Cerca nel sito
CATALOGO
Scegli la disciplina
Scegli la disciplina


SCARICA IL CATALOGO SCUOLA SUPERIORE 2017



SCARICA IL CATALOGO SCUOLA MEDIA 2017



SCARICA IL CATALOGO
di LATINO




SCARICA IL CATALOGO di GRECO



SCARICA IL CATALOGO di NARRATIVA SCUOLA MEDIA

S107 - Editor - Corso di Lingua e Civiltà Latina

per il primo biennio della scuola secondaria di secondo grado - Libro misto con laboratorio integrativo - digiWORLD tutto compreso - Tomo A: Teoria, esercizi e civiltà - Tomo B: Repertorio grammaticale e lessico di base
2014 II Ed. - pp. 576 + 96 - 9788891401243 - € 20,00

Prezzo pdf: €13,99

Manuela Padovan
  • Gli ebook sono consultabili su computer, tablet e smartphone Apple e Android, e-reader ed altri dispositivi compatibili con il drm Adobe, ma non sono stampabili (salvo quando diversamente indicato). Per le informazioni sugli ebook, consulta la guida.
    Per la riproduzione a favore di studenti non vedenti, ipovendenti o con disturbi specifici di apprendimento contatta info.scuola@simone.it
 
 
 




Studiare il latino in un corso biennale è una sfida: quanto latino, ma soprattutto quale latino è realisticamente possibile imparare nell’arco di due anni e che significato dare a questo apprendimento? Questo libro punta prima di tutto a un’acquisizione di senso: alla base c’è la convinzione che lo studio della lingua non possa identificarsi con lo studio della grammatica, ma sia lo strumento privilegiato per conoscere un mondo, nel nostro caso quello di Roma antica. Il principio, valido ogni volta che ci si accosta a una lingua straniera, è ciò che di fatto rende possibile il dialogo interculturale: tra italiano e latino tale dialogo è non solo privilegiato, data la straordinaria continuità che lega le due lingue, ma è addirittura necessario per capire meglio la cultura di oggi o anche, più semplicemente, le parole che usiamo ogni giorno. Perciò, la grammatica va intesa non come fine, ma come mezzo per capire il funzionamento della lingua, e la lingua va considerata nella sua realtà: un sistema vivo e mutevole, capace di comunicare idee, raccontare storie, riflettere sull’uomo e sul mondo, attraverso i testi degli scrittori.
Questo libro si struttura, perciò, in una serie di percorsi a tema, nei quali si parte da brani in prosa o poesia che parlano di episodi e personaggi famosi della storia di Roma, aspetti della civiltà e della vita quotidiana, e che forniscono al lettore lo sfondo culturale necessario alla comprensione della lingua.
Solo dopo la lettura dei testi viene la fase grammaticale, articolata in tre passaggi: l’osservazione dei principali fenomeni morfosintattici, la loro generalizzazione sotto forma di regola o schema, gli esercizi applicativi.
La trattazione grammaticale non è sistematica, ma procede con una certa gradualità seguendo quanto emerge dalle letture; analogamente, gli esercizi sono costruiti a partire dai testi stessi. Particolare attenzione è riservata al lessico, analizzato in chiave etimologica e comparativa: lo scopo è da un lato la costituzione di un patrimonio organizzato di termini conosciuti, dall’altro il confronto con l’italiano e le principali lingue europee, per cogliere permanenze, analogie, difformità.
Il Tomo A
Si articola in due sezioni:
1. i fondamenti linguistici, ossia la pronuncia, sulla scorta di alcune testimonianze antiche, e la morfosintassi (nomi, pronomi, verbi), esaminata attraverso le poesie di Catullo. La scelta di questo autore è motivata sul piano formale dalla linearità dello stile, che facilita l’analisi del testo e si presta agli esercizi di comprensione; contemporaneamente, sul piano dei contenuti, è parso interessante scoprire il lato umano e privato di questo poeta, i suoi affetti, le inimicizie, i valori in cui credeva;
2. le principali strutture sintattiche, colte in una serie di percorsi tematici sugli aspetti più signifi cativi della civiltà di Roma, dalle conquiste ai rapporti con gli altri popoli, dalla vita quotidiana alle donne, dalla politica ai racconti horror. In questa seconda parte sono stati presi in considerazione numerosi scrittori, scelti per lo più in relazione al tema trattato; insieme, compaiono anche iscrizioni parietali e funerarie, ossia esempi di testi non letterari.
IL LESSICo DI bASE
Il lessico di base è l’insieme delle parole più frequentemente usate in una lingua: quello Besançon1, che hanno individuato
Il Tomo B
Si è ritenuto utile, infine, raccogliere in un fascicolo a parte un repertorio di analisi logica e del periodo in italiano e gli schemi di declinazioni e coniugazioni latine su cui il libro si sofferma, allo scopo di offrire uno strumento agevole per lo studio o il ripasso delle nozioni; segue, infine, un piccolo dizionario a supporto di un eventuale lavoro di traduzione.
Editor on line
L’estensione on line segnalata all’interno del volume dall’icona @➜sul WEB
propone agli studenti:
– una serie di esercizi interattivi sul lessico, concepiti in una sequenza progressiva che accompagna a ogni passo lo sviluppo dello studio lessicale;
1 La ricerca e sfociata nel Lessico essenziale di latino, edizione italiana a cura di F. Piazzi, Bologna, Cappelli 1998.
latino è opera dei ricercatori dell’Università francese di un insieme di circa 1600 termini maggiormente ricorrenti, la cui conoscenza permette di comprendere l’85% dei testi che si leggono a scuola senza ricorrere al vocabolario. Se si studiano le lingue per comunicare, non si può dire di conoscerne nessuna senza disporre di un lessico adeguato, prima ancora che della grammatica; ciò vale per l’inglese o lo spagnolo come per il latino, per quanto questo sia una lingua non più in uso.
Partendo da questi principi, alla fine di ogni lezione è stato inserito un repertorio dei termini approfonditi nel corso delle letture: in linea di massima sono stati scelti quelli rientranti nel lessico frequenziale, con l’aggiunta di altri, particolarmente significativi in relazione ai temi affrontati, riportati in colore diverso rispetto ai termini comuni. Questo accorgimento grafico rende evidente la maggior frequenza del lessico di base, a riprova della sua importanza nella comprensione di un brano latino.
Dal punto di vista metodologico, il graduale apprendimento del lessico di base e la conoscenza dei testi via via incontrati sono gli strumenti indispensabili per la soluzione degli esercizi, che recuperano parole ed espressioni già viste per esemplificare fenomeni grammaticali o per verifi care conoscenze e capacità di comprensione.
– esercizi interattivi di analisi e riconoscimento di nomi, pronomi e verbi, per favorire la memorizzazione della morfologia latina;
– esercizi di riconoscimento e conversione di numeri e date.
Editor, infine, è un volume Digiworld tutto compreso! Con l’acquisto di questo libro lo studente ha già a disposizione tutto quello che occorre per studiare, integrando libro e risorse digitali: volume cartaceo + e-book + estensioni on line. Il codice alfanumerico posto alla fine del volume consente, infatti, collegandosi al sito www.simonescuola.it, di scaricare gratuitamente la versione e-book integrale del testo e di accedere a tutti i materiali digitali integrativi.


A

Per cominciare. Il latino, lingua d’Europa
Il latino, lingua indoeuropea
Il latino quotidiano
Parte prima | I fondamenti
1. Come si legge e si pronuncia il latino
Lezione 1. L’alfabeto
Lezione 2. La pronuncia
La pronuncia classica (o restitùta)
La pronuncia italiana (o scolastica o ecclesiastica)
I bambini e lo studio (Quintiliano, La formazione dell’oratore I, 1, 20)
Sul filo del discorso: I Romani parlano del latino
I bambini e la scrittura (Quintiliano, La formazione dell’oratore 1, 1, 27-29)
Il maestro ideale (Quintiliano, La formazione dell’oratore 2, 2, 4-8)
Lezione 3. Quantità, sillabe, accento
La divisione in sillabe
Quantità delle sillabe
L’accento
Per ricapitolare
Lessico di base
Le famiglie di parole
Lezione 4. Percorsi di lettura
Il latino, il Lazio, Roma
Come funziona il latino: L’enclitica -que
Come funziona il latino: Le congiunzioni coordinanti
Per comprendere meglio: La mitologia romana
Chi erano i Romani
Sul filo del discorso: I sette re di Roma
La lingua dell’agricoltura, della guerra, del sacro
Il podere ideale (Catone, La coltivazione dei campi 1)
Riflessioni sul lessico
La preghiera del pater familias (Catone, La coltivazione dei campi 141)
Riflessioni sul lessico
Per ricapitolare
Lessico di base
2. Un percorso con Catullo
Lezione 1. Chi era Catullo
Odio e amore (Carme 85)
Riflessioni sul lessico
Riflessioni sul lessico
Come funziona il latino: La frase: soggetto e predicato
Osservazioni
Come funziona il latino: I pronomi personali
Come funziona il latino: Il pronome is, ea, id
Due lettere di Plinio (Plinio il Giovane, Epistole X, 88-89; I, 8)
Per comprendere meglio: Il genere neutro
Come funziona il latino: I verbi sum, possum, fio
Osservazioni
Osservazioni
Per ricapitolare
Lessico di base
Lezione 2. La canzone dei baci
Carme 5
Riflessioni sul lessico
Come funziona il latino: Ille, illa, illud
Come funziona il latino: Il latino non ha l’articolo
Per comprendere meglio: Da dove nascono gli articoli?
Come funziona il latino: Scomporre le parole
Come funziona il latino: Un sistema combinatorio
Dedica a Cornelio (Carme 1)
Bellezza di provincia (Carme 43)
Per ricapitolare
Lessico di base
Lezione 3. Ad Allio, con riconoscenza
Carme 68, 41-49; 57-72 - Parte prima
Riflessioni sul lessico
Per comprendere meglio: Càstore e Polluce
Come funziona il latino: Hic, haec, hoc
Radici e famiglie di parole
Come funziona il latino: Casi e funzioni
Come funziona il latino: Preposizioni e complementi
Per comprendere meglio: Storia dei casi in latino e in greco
Per comprendere meglio: Le declinazioni, oggi
Per ricapitolare
Lessico di base
Lezione 4. Ad Allio, con riconoscenza
Carme 68, 41-49; 57-72 - Parte seconda
Come funziona il latino: Dai temi alle declinazioni
Come funziona il latino: Le cinque declinazioni
Come funziona il latino: Temi in -a: la I declinazione
Come funziona il latino: Temi in -o: la II declinazione
Osservazioni
Per comprendere meglio: Regole ed eccezioni
Come funziona il latino: Gli aggettivi della I classe
Come funziona il latino: Concordanza del nome e dell’aggettivo
La volpe e l’uva (Fedro, Favole IV, 3)
Percorso storico: Nascita di un impero: Romolo (1)
Riflessioni sul lessico
Per comprendere meglio: La misura del tempo
Per ricapitolare
Lessico di base
Lezione 5. Ad Allio, con riconoscenza
Carme 68, 41-49; 57-72 - Parte terza
Come funziona il latino: Temi in consonante e in -i. La III declinazione
Per comprendere meglio: Un’antica regola: parisillabi e imparisillabi
Come funziona il latino: Gli aggettivi della II classe
Poteri del pater familias (da Tacito)
Percorso storico: Nascita di un impero: Romolo (2)
Riflessioni sul lessico
Per ricapitolare
Lessico di base
Lezione 6. Il ladro di fazzoletti
Carme 12
Riflessioni sul lessico
Come funziona il latino: Temi in -u. La IV declinazione
Come funziona il latino: Temi in -e. La V declinazione
Prospetto riassuntivo delle desinenze
La volpe e la maschera tragica (Fedro, Favole I, 7)
Come funziona il latino: Il pronome relativo qui, quae, quod
Come funziona il latino: Concordanza del relativo
Come funziona il latino: Il nesso relativo
Come funziona il latino: Usi di quam
Come funziona il latino: Usi di quod
Abitudini delle antiche donne romane (Valerio Massimo, Fatti e detti memorabili II, 1, 2)
Percorso storico: Nascita di un impero: Numa Pompilio, Tullo Ostilio
Riflessioni sul lessico
Per ricapitolare
Lessico di base
Lezione 7. Una decisione ferrea
Carme 8
Riflessioni sul lessico
Come funziona il latino: Gli interrogativi quis, quid? e qui, quae, quod?
Osservazioni
Come funziona il latino: Scomporre le forme verbali
Per comprendere meglio: Il paradigma dei verbi
Come funziona il latino: Temi in -â. I coniugazione
Come funziona il latino: Temi in -ç. II coniugazione
Come funziona il latino: L’imperativo
Voci dall’aldilà
Come funziona il latino: I verbi volo, nolo, malo
Per comprendere meglio: Gli avverbi italiani in -mente
Percorso storico: Nascita di un impero: Anco Marcio, Tarquinio Prisco
Riflessioni sul lessico
Come funziona il latino: I pronomi/aggettivi idem e ipse
Per ricapitolare
Lessico di base
Lezione 8. Invito a cena
Carme 13
Riflessioni sul lessico
Come funziona il latino: I pronomi indefiniti alĭquis e quis
Come funziona il latino: Comparativi e superlativi
Il lupo e l’agnello (Fedro, Favole I, 1, 1)
A Cicerone (Catullo, Carme 49)
Come funziona il latino: Imperfetto e futuro di sum, possum, fio
Osservazioni
Come funziona il latino: Temi in -ĕ/-ĭ. III coniugazione
Come funziona il latino: Temi in -î. IV coniugazione
Percorso storico: Nascita di un impero: Servio Tullio
Riflessioni sul lessico
Per comprendere meglio: I numeri romani
Per ricapitolare
Lessico di base
Lezione 9. Gara di poesia
Carme 50
Riflessioni sul lessico
Come funziona il latino: Presente e perfetto
Come funziona il latino: Il tema del perfetto
Come funziona il latino: Presente e perfetto a confronto
Come funziona il latino: Il perfetto di sum e possum
Per comprendere meglio: Tre modi per dire essere
Come funziona il latino: Il perfetto di volo, nolo, malo
Come funziona il latino: I verbi deponenti
Percorso storico: Nascita di un impero: Tarquinio il Superbo
Per ricapitolare
Lessico di base
Lezione 10. All’amico Cecilio
Carme 35
Riflessioni sul lessico
Per comprendere meglio: Piante, pelli e libri
Come funziona il latino: Il pronome indefinito quidam
Come funziona il latino: Il participio presente
Come funziona il latino: Indicativo e congiuntivo
Come funziona il latino: I tempi del congiuntivo latino
Come funziona il latino: Uso del congiuntivo
Per ricapitolare
Lessico di base
Testi per concludere
Virtus: eroi ed eroine di Roma arcaica
Le donne sabine, o la piĕtas familiare (Tito Livio, Dalla fondazione di Roma I, 13)
Orazio Coclite, o la fortitûdo (Tito Livio, Dalla fondazione di Roma II, 10)
Muzio Scevola, o la patientia (Tito Livio, Dalla fondazione di Roma II, 13)
Clelia, o la virtus femminile (Tito Livio, Dalla fondazione di Roma II, 13)
Umberto Eco intervista Muzio Scevola
3. L’evoluzione del latino
Lezione 1. Dal latino alle lingue neolatine
Lezione 2. Dal latino all’italiano
Mutamenti lessicali
Mutamenti fonetici
Mutamenti verbali e sintattici
Mutamenti del significato
Lezione 3. I primi documenti in volgare
L’Indovinello veronese
Dal latino all’italiano: Latino e volgare a confronto
Il Placito cassinese (960 d.C)
Dal latino all’italiano: Latino e volgare a confronto
Lezione 4. Latino e dialetti
Per ricapitolare
Parte seconda | Aspetti del mondo di Roma
1. Le conquiste
Lezione 1. Cesare e la guerra di Gallia
Cesare, La guerra gallica I, 7
Per comprendere meglio: Riferimenti storico-geografici
Come funziona il latino: Il presente storico
Come funziona il latino: Participio perfetto e futuro
Come funziona il latino: Gerundio e gerundivo
Come funziona il latino: La perifrastica attiva e passiva
Lessico di base
Lezione 2. La fine delle guerre civili
Res gestae Divi Augusti 1-3
Per comprendere meglio: Le imprese di Augusto
Riflessioni sul lessico
Riflessioni sul lessico
Come funziona il latino: Usi dell’infinito
Come funziona il latino: Uso dei tempi nelle infinitive
Come funziona il latino: La consecutio tempŏrum
Come funziona il latino: Valori di ut
Come funziona il latino: Valori di cum
Per comprendere meglio: Ut e le note musicali
Lessico di base
Lezione 3. Il caso della Britannia
Tacito, Agricola 21
Per comprendere meglio: Il lessico della civilizzazione
Come funziona il latino: L’infinito narrativo o descrittivo
Come funziona il latino: Il passivo impersonale
Per ricapitolare
Lessico di base
2. Il sistema viario
Lezione 1. Le vie consolari
Riflessioni sul lessico
Per comprendere meglio: I miliari
Come si costruisce una strada: la via Domitiana (Stazio, Silve IV, 3, 40-55)
Osservazioni
Riflessioni sul lessico
In viaggio sulla via Appia (Orazio, Satire I, 5, 1-19)
Per comprendere meglio: Un viaggio difficile
Riflessioni sul lessico
Come funziona il latino: Ancora sul participio
Come funziona il latino: I composti di sum
Come funziona il latino: Usi di dum
Per ricapitolare
Lessico di base
3. I Romani e gli altri
Lezione 1. Romani e Greci
La malafede dei Greci
Per comprendere meglio: Fides
I tradimenti dei Greci (Virgilio, Eneide II, 48-49)
Per comprendere meglio: La fine di Troia
Come funziona il latino: Il verbo fero
L’astuzia dei Greci (e dei Cartaginesi) (Tito Livio, Dalla fondazione di Roma XLII, 47)
Per comprendere meglio: Religio
Come funziona il latino: Il discorso indiretto
La cultura dei Greci (Orazio, Epistole II, 1, 156-159)
Per ricapitolare
Lessico di base
Lezione 2. Romani e Cartaginesi
Annibale (Tito Livio, Dalla fondazione di Roma XXI, 4, 4-9)
Riflessioni sul lessico
Come funziona il latino: Usi del genitivo
I Romani secondo Annibale (Aulo Gellio, Notti Attiche V, 5)
Come funziona il latino: Le proposizioni interrogative
Per ricapitolare
Lessico di base
Lezione 3. Romani e popoli nordici
Romani e Galli (Cesare, La guerra gallica I, 1)
Per comprendere meglio: I fiumi francesi
Sul filo del discorso: Asterix, ovvero la rivincita dei Galli
Romani e Germani (Tacito, Germania 4, 1)
Romani e Britanni (Tacito, Agricola 11-12)
Per comprendere meglio: Un testo difficile
Come funziona il latino: Usi del dativo
Come funziona il latino: Il congiuntivo indipendente
Sul filo del discorso: Dalla parte dei Britanni
Per ricapitolare
Lessico di base
Lezione 4. Romani ed Ebrei
Un mondo “alla rovescia” (Tacito, Storie V, 4)
Riflessioni sul lessico
Abitudini degli Ebrei e caratteri della loro religione (Tacito, Storie V, 5)
Gerusalemme e il tempio (Tacito, Storie V, 8)
Per comprendere meglio: I fraintendimenti di Tacito
Per ricapitolare
Lessico di base
4. Scene di vita quotidiana
Lezione 1. Le terme
Il guaio di abitare sopra un bagno pubblico (Seneca, Epistole a Lucilio 56, 1-2)
Riflessioni sul lessico
Come funziona il latino: Congiunzioni subordinanti temporali
Come funziona il latino: Le proposizioni relative
Affittasi balnĕum (Iscrizione pompeiana)
Riflessioni sul lessico
Per ricapitolare
Lessico di base
Lezione 2. Il circo, l’anfiteatro
Il tifo per le corse dei cavalli (Plinio il Giovane, Epistole IX, 6)
Per comprendere meglio: Lo stile epistolare e gli oggetti della scrittura
Per comprendere meglio: Squadre e tifoserie nelle corse dei carri
Come funziona il latino: Il periodo ipotetico
Una rissa nell’anfiteatro (Tacito, Annali XIV, 17)
Riflessioni sul lessico
Come funziona il latino: L’ablativo assoluto
Per ricapitolare
Lessico di base
Lezione 3. La vita politica
I candidati
Riflessioni sul lessico
«Pompeis difficile est». I sostenitori
Come funziona il latino: La costruzione paratattica
Le sorprese delle votazioni segrete (Plinio il Giovane, Epistole IV, 25)
Come funziona il latino: I verbi di timore (verba timendi)
Come funziona il latino: Il supino
Per ricapitolare
Lessico di base
Lezione 4. Una città dell’Italia meridionale
Al mercato (Petronio, Satyricon XII)
Rissa all’osteria (Petronio, Satyricon XCV)
Riflessioni sul lessico
Come funziona il latino: Le interrogative disgiuntive
Come funziona il latino: Il verbo eo
A cena a casa di un riccone (Petronio, Satyricon XXXI)
Per comprendere meglio: Una tavola raffinata
Per comprendere meglio: I posti a tavola
Ritratto del padrone di casa (Petronio, Satyricon XXXII)
Per comprendere meglio: L’eleganza di Trimalchione
Per ricapitolare
Lessico di base
5. Le donne
Lezione 1. La matrona del tempo antico
La donna ideale (CIL I, 1211, Roma)
Riflessioni sul lessico
Antiche abitudini di vita (Valerio Massimo, Fatti e detti memorabili II, 1, 4)
Come funziona il latino: Le proposizioni concessive
La faccenda della lex Oppia secondo Tito Livio (Tito Livio, Dalla fondazione di Roma XXXIV)
Come funziona il latino: Uso di causa e gratia
La versione di Valerio Massimo (Valerio Massimo, Fatti e detti memorabili IX, 1, 3)
Per comprendere meglio: Suggerimenti per la traduzione
Come funziona il latino: I verbi audĕo e tollo
Cornelia (Valerio Massimo, Fatti e detti memorabili IV, 4)
Per ricapitolare
Lessico di base
Lezione 2. La rivoluzione del costume
Sempronia (Sallustio, La congiura di Catilina 25)
Riflessioni sul lessico
Clodia, ovvero: l’altra faccia di Lesbia (Cicerone, In difesa di Celio 49-50)
Sul filo del discorso: Marco Celio Rufo
Per ricapitolare
Lessico di base
Lezione 3. Principesse e imperatrici
Livia Drusilla (Tacito, Annali V, 1)
Sul filo del discorso: La famiglia Giulio-Claudia
Come funziona il latino: Il complemento di qualità
Come funziona il latino: Il dativo di possesso
Sul filo del discorso: L’Ara Pacis e la famiglia di Augusto
Agrippina (Tacito, Annali XVI, 8)
Come funziona il latino: Il discorso indiretto nella narrazione storica
Come funziona il latino: Il verbo fore
Poppea (Tacito, Annali XIV, 1)
Per ricapitolare
Lessico di base
6. Racconti di paura e di magia
Lezione 1. Il fantasma di Atene
I. Le apparizioni notturne (Plinio il Giovane, Epistole ai familiari VII, 27, 5-11)
II. Si affitta la casa
III. A tu per tu con il fantasma
Per comprendere meglio: I Mani
Riflessioni sul lessico
Per ricapitolare
Lessico di base
Lezione 2. Il morto che cammina
Sogno o realtà? (Apuleio, Metamorfosi I, 18-19)
Per ricapitolare
Lessico di base
Lezione 3. Streghe
Il neonato rapito (Petronio, Satyricon 63, 3-10)
Per comprendere meglio: Il latino parlato
Il parto negato (Apuleio, Metamorfosi I, 8-9)
La metamorfosi (Apuleio, Metamorfosi III, 21-22)
Per ricapitolare
Lessico di base
7. Teorie scientifiche su cielo e terra
Lezione 1. Indagare la natura
Conoscere per non temere (Seneca, Indagini sulla natura VI, 3, 1-2)
Riflessioni sul lessico
Per ricapitolare
Lessico di base
Lezione 2. I fulmini, l’arcobaleno
I fulmini/1 (Seneca, Indagini sulla natura II, 12, 1-3)
I fulmini/2 (Plinio il Vecchio, Storia Naturale II, 142)
Riflessioni sul lessico
L’arcobaleno (Plinio il Vecchio, Storia Naturale II, 150-51)
Per comprendere meglio: L’osservazione del cielo
Per ricapitolare
Lessico di base
Lezione 3. I terremoti
Effetti dei terremoti (Seneca, Indagini sulla natura IV, 1-2)
Sul filo del discorso: La fine di Pompei
Per comprendere meglio: La misurazione del tempo
Per ricapitolare
Lessico di base
Traduzioni in altre lingue
Ablativo assoluto
Aggettivi della I classe
Aggettivi della II classe
Alĭquis, aliquĭd
Audĕo
Casi e funzioni
Causa, gratia, uso
Comparativi e superlativi
Complemento di qualità
Complementi, vedi Preposizioni
Concordanza del nome e dell’aggettivo
• del relativo
Congiuntivo
• e indicativo
• tempi
• uso
• indipendente
Congiunzioni coordinanti
Congiunzioni subordinanti temporali
Coniugazioni
• prima: indicativo presente, imperfetto, futuro attivo e passivo perfetto attivo e passivo piuccheperfetto, futuro anteriore attivo e passivo
• seconda: indicativo presente, imperfetto, futuro attivo e passivo perfetto, piuccheperfetto, futuro anteriore attivo e passivo
• terza: indicativo presente, imperfetto e futuro attivo e passivo perfetto, piuccheperfetto attivo e passivo futuro anteriore attivo e passivo
• quarta: indicativo presente, imperfetto e futuro attivo e passivo perfetto, piuccheperfetto, futuro anteriore attivo e passivo
Consecutio tempŏrum
Costruzione paratattica
Cum, valori
Dativo di possesso
Dativo, usi
Declinazioni
• prima
• seconda
• terza - temi in consonante
• terza - temi in -i
• quarta
• quinta
• desinenze, prospetto riassuntivo
Deponenti, verbi
Discorso indiretto
• nella narrazione storica
Dum, usi
Eo
Fero, indicativo presente attivo e passivo
• composti
Fio, indicativo presente
• imperfetto e futuro
Fore
Frase, soggetto e predicato
Genitivo, usi
Gerundio e gerundivo
Hic, haec, hoc
Idem
Il latino non ha l’articolo
Indice degli argomenti grammaticali
Ille, illa, illud
Imperativo
Infinitive, uso dei tempi
Infinito, uso
• narrativo o descrittivo
Ipse
Is, ea, id
Malo, indicativo presente, imperfetto, futuro
• indicativo perfetto
• congiuntivo
Nesso relativo
Nolo, indicativo presente, imperfetto, futuro
• indicativo perfetto
• congiuntivo
Participio presente
• perfetto e futuro
• valore temporale
Passivo impersonale
Perfetto
• tema
• tempi e prospetto desinenze
• presente e perfetto
Perifrastica attiva e passiva
Periodo ipotetico
Possum, indicativo presente
• imperfetto e futuro
• perfetto
Preposizioni e complementi
Presente storico
Pronomi personali
Proposizioni
• concessive
• consecutive
• interrogative
• interrogative disgiuntive
• relative
• dichiarative, vedi quod
• causali, vedi cum, quod
• finali, vedi ut, gerundivo, supino
• temporali, vedi ut, cum, congiunzioni subordinanti temporali
Quam, usi
-que
Qui, quae, quod
Qui, quae, quod?
Quidam, quaedam, quiddam
Quis, quid
Quis, quid?
Quod, usi
Scomposizione delle parole
Scomposizione dei verbi
Sistema combinatorio
Sum, indicativo presente
• imperfetto e futuro
• perfetto
• congiuntivo
• composti
Supino
Tollo
Ut, valori
Verbi di timore (verba timendi)
Volo, indicativo presente, imperfetto, futuro
• indicativo perfetto
• congiuntivo
 
 
B

Indice degli argomenti grammaticali
Aggettivi
- I classe
- II classe
Apposizione
Attributo
Coordinazione
Complementi d’agente e di causa efficiente
Complementi di compagnia e d’unione
Complementi di specificazione e partitivo
Complementi predicativi del soggetto e dell’oggetto
Complemento d’argomento
Complemento di causa
Complemento di colpa
Complemento di denominazione
Complemento d’interesse
Complemento di limitazione
Complemento di materia
Complemento di mezzo (o strumento)
Complemento di modo
Complemento di moto a luogo e da luogo
Complemento di moto per luogo
Complemento di paragone
Complemento di pena
Complemento di quantità
Complemento di separazione o allontanamento
Complemento di stato in luogo
Complemento di tempo continuato
Complemento di tempo determinato
Complemento di termine
Complemento di vocazione
Complemento oggetto
Nomi
- I e II declinazione
- III declinazione
- IV declinazione
- V declinazione
Parti del discorso
Predicato
Pronomi
Proposizione
Proposizione semplice, complessa, composta
Proposizioni esplicite e implicite
Proposizioni principali e secondarie
Proposizioni principali (tipi)
Soggetto
Subordinate aggettive: relative
Subordinate complementari: avversative e condizionali
Subordinate complementari: causali
Subordinate complementari: comparative
Subordinate complementari: finali e consecutive
Subordinate complementari: modali
Subordinate complementari: strumentali
Subordinate complementari: temporali e concessive
Subordinate sostantive: interrogative indirette
Subordinate sostantive: oggettive e dichiarative
Subordinate sostantive: soggettive
Subordinazione
Verbi
- coniugazione attiva, passiva; verbi deponenti
- sum, possum
- fio
- volo, nolo, malo
- fero
- eo