Cerca nel sito
CATALOGO
Scegli la disciplina
Scegli la disciplina


SCARICA IL CATALOGO SCUOLA SUPERIORE 2017



SCARICA IL CATALOGO SCUOLA MEDIA 2017



SCARICA IL CATALOGO
di LATINO




SCARICA IL CATALOGO di GRECO



SCARICA IL CATALOGO di NARRATIVA SCUOLA MEDIA

S145 - Politikè téchne

Antologia platonica da Protagora, Gorgia, Repubblica - LibroMisto con estensione on line
2014 - pp. 304 - 9788891400772 - € 15,00

Prezzo pdf: €10,49

  • Gli ebook sono consultabili su computer, tablet e smartphone Apple e Android, e-reader ed altri dispositivi compatibili con il drm Adobe, ma non sono stampabili (salvo quando diversamente indicato). Per le informazioni sugli ebook, consulta la guida.
    Per la riproduzione a favore di studenti non vedenti, ipovendenti o con disturbi specifici di apprendimento contatta info.scuola@simone.it
 
 
 




Nel periodo che va dal V secolo a.C. all’inizio del secolo successivo il cittadino ateniese e il mondo greco in generale assistono all’intera parabola della democrazia di Atene, dall’apogeo alla sua crisi. È comprensibile dunque che in questo periodo si sviluppi più che mai il grande dibattito filosofico sui temi della giustizia, della legge, del buon governo, nonché dell’arte della parola come elemento fondamentale per guadagnare il consenso del demos. Di tale ampio dibattito la sterminata produzione di Platone conserva una fondamentale testimonianza, che si arricchisce, naturalmente, dell’apporto del pensiero originale del grande filosofo.
Questa antologia intende offrire allo studente un panorama esauriente di questo dibattito, allo stesso tempo indicandone gli aspetti universali che, al di là della contingenza storico-politica che lo determinarono, possono essere ancora significativi per l’uomo moderno e per la società contemporanea.
Non vi sarà difficile pertanto individuare tematiche che ancora appassionano
— o dovrebbero appassionare — il cittadino di oggi:
— il dibattito che vede schierate, da una parte, l’idea della politica come compromesso tra l’utile di poteri contrapposti e, dall’altra, quella del «buon governo» come realizzazione di un vero modello di giustizia;
— il problema di contemperare le esigenze di una reale rappresentatività, vale a dire di un’azione che rispecchi la volontà espressa dal popolo con la sua scelta, e l’idea dell’arte politica come «possesso di pochi», ai quali è delegata la guida della res publica;
— la questione della parola e — per attualizzare — delle armi mediatiche per la conquista del consenso.
Coerentemente con questo obiettivo didattico, il testo presenta una struttura varia e complessa, che va al di là della semplice proposta tradizionale di passi commentati dai dialoghi platonici, e che si articola in sei parti.
La prima parte ha carattere introduttivo, delineando l’evoluzione del pensiero politico in Grecia fino a Platone, con testimonianze tratte anche dalla storia letteraria.
La seconda, terza e quarta parte presentano passi scelti rispettivamente da Protagora, Gorgia e Repubblica, corredati da un’ampia introduzione e da un commento grammaticale e stilistico-retorico accurato e analitico.
Un’ulteriore scelta di passi è riportata a conclusione di esse in testo greco e traduzione.
Ogni parte è inoltre completata da schede esplicative e da rubriche di approfondimento («Per approfondire»), finalizzate soprattutto a inserire i testi platonici nel più ampio dibattito, che si venne delineando nella cultura greca del tempo, sui temi politici, sui fondamenti del diritto e della giustizia, e in particolare sulla democrazia.
La quinta parte, intitolata Da Atene a Roma, è dedicata all’accostamento di autori latini al pensiero greco, attraverso testi riportati in originale e in traduzione e debitamente introdotti; finalizzata in primo luogo a evidenziare l’eredità del pensiero greco nella cultura latina, questa antologia di brani di autori latini potrebbe consentire al docente una programmazione interdisciplinare del «classico
» dell’ultimo anno di corso liceale.
A conclusione del volume è collocata una sesta parte, che trasporta il dibattito politico nell’età contemporanea, ospitando articoli ed estratti di saggi sui temi e sulle questioni fondamentali attinenti alle moderne democrazie.
Gli autori intendono in questo modo sollecitare l’attenzione e la partecipazione degli studenti ai temi della vita pubblica, e nel contempo far loro comprendere che lo studio della classicità può costituire una chiave interpretativa fondamentale della realtà in cui viviamo.


Premessa
Parte Prima
La riflessione politica nella Grecia antica
1. Da Omero a Socrate
Centralità della riflessione politica presso i greci
La fase mitico-religiosa
Il trionfo della democrazia e la tragedia attica
Laicizzazione dell’idea di giustizia: la sofistica
Il relativismo sofistico
Radicalismo di Trasimaco e Callicle
Il contrasto nomos-physis
Politica e retorica
Socrate: contro la retorica come inganno e adulazione
Per Approfondire
Elogio della democrazia (Eschilo, Erodoto e Tucidide)
2. Platone: il filosofo e la politica
La rinuncia giovanile alla politica attiva
Il filosofo al governo della città ideale
Scheda
Vita di Platone
Parte Seconda
Il Protagora
Struttura del Protagora
1. Il Protagora e il mito sulle origini della vita associata
La struttura del dialogo
Il mito dell’origine della societas
Il fondamento della democrazia
La techne politiké può essere insegnata; funzione educativa e preventiva della pena; l’educazione del cittadino
La legge
Significato del mito protagoreo
La parola persuasiva e il relativismo
L’epilogo: rovesciamento delle posizioni e conclusione aperta
Per Approfondire
Il mito in Platone
Test o e Commento
1. Il mito delle origini (320c-324c)
Scheda
Come si citano le opere di Platone
Il corpus platonico
Pass i in traduzione
La virtù politica è insegnabile (324d-328d)
Parte Terza
Il Gorgia
Struttura del Gorgia
1. Callicle: in natura vige la legge del più forte
Per Approfondire
Antigone e la legge naturale
2. Socrate: il vero politico
Per Approfondire
Retorica demagogica e degenerazione della democrazia (Euripide, Supplici)
Test o e Commento
1. Callicle: in natura vige la legge del più forte (482c-484c)
2. Socrate: il vero politico (502d-505c; 515a-517c; 521a-d)
Pass i in traduzione
1. Callicle invita Socrate ad abbandonare la filosofia (484c-486d)
2. Occorre perseguire il piacere in vista del bene (506c-508c)
Parte Quarta
Repubblica
Struttura della Repubblica
1. Trasimaco: la giustizia è l’utile del più forte
Il dialogo Repubblica
L’intervento di Trasimaco
La connaturata adikia del nomos
Callicle e Trasimaco: affinità e differenze
La risposta di Socrate
Per Approfondire
Il diritto internazionale e la legge del più forte: il caso di Atene e Melo
2. Socrate: la giustizia come armonia tra le componenti dello Stato
La fondazione dello Stato ideale
La definizione di giustizia.
Aristocrazia e homonoia
Scheda
Affermazione e crisi della democrazia ateniese
3. I filosofi al governo
Test o e Commento
1. Trasimaco: la giustizia è l’utile del più forte (I, 338c-347d passim)
2. Socrate: la giustizia come armonia tra le componenti dello Stato (IV, 427c-429a; 433a-434d)
3. I filosofi al governo (VII, 518b-521b)
Pass i in traduzione
Le virtù dello Stato ideale (IV, 429a-432a)
Parte Quinta
Da Atene a Roma: i temi del diritto e della giustizia nella letteratura latina
1. Stato di natura e origini del diritto in Lucrezio
Le origini della vita comunitaria
Dal governo dei re alle leggi
Differenze con il Protagora e con il pensiero sofistico
T1. Le origini della vita comunitaria (De rerum natura V, 1011-1027).
T2. Dal governo dei re alle leggi (De rerum natura V, 1105-1150).
2. Il De inventione e il ruolo del filosofo-oratore nella nascita della società
T3. Cicerone: De inventione I, 2-3
Per Approfondire
La traduzione del De inventione di Brunetto Latini
3. Cicerone: legge naturale e diritto positivo
T4. La lex naturae (De legibus II, 4-5)
T5. La legge naturale ha origine divina (De republica III, 22, 33)
T6. La giustizia non risiede nel diritto positivo (De legibus I, 42-43)
4. Carneade: l’utile, non la giustizia, guida la vita politica
T7. Filo esprime il pensiero di Carneade (Cicerone, De republica III, 18; 23-24)
T8. Lelio: è giusta la sottomissione ai Romani degli altri popoli (Agostino, De civitate Dei XIX, 21)
5. Seneca: il re-sapiente e la nascita del diritto
T9. Epistulae morales ad Lucilium 90, 1-6; 44-46
Parte Sesta
Antichi e Moderni
1. Finley: la democrazia degli antichi e dei moderni
2. Chomsky: consenso senza consenso
3. Canfora: può la maggioranza avere torto?
4. Zagrebelsky: antiretorica della democrazia