Cerca nel sito
CATALOGO
Scegli la disciplina
Scegli la disciplina


SCARICA IL CATALOGO SCUOLA SUPERIORE 2017



SCARICA IL CATALOGO SCUOLA MEDIA 2017



SCARICA IL CATALOGO
di LATINO




SCARICA IL CATALOGO di GRECO



SCARICA IL CATALOGO di NARRATIVA SCUOLA MEDIA

S180 - Un Latino che serve

Perché e come studiare il Latino
2009 - pp. 224 - 9788824465007 - € 7,00 G. Colomba Sannia
 
 
 




Per amare il Latino, bisogna partire da lontano e bisogna chiedersi innanzi tutto come amare le materie da studiare, come amare la scuola. I ragazzi riderebbero ad una simile proposta:
amare la scuola? Ma per carità! – direbbero – La si può a stento tollerare, come una inevitabile tappa della vita, senza nessuna attrattiva, tranne, forse, quella di offrire l’opportunità di incontrarsi tra amici.
È vero: non si può certo amare qualcosa di cui non si coglie il senso e l’utilità, qualcosa che, per giunta, comporta sacrifici e rinunzie, intollerabili per chi è giovane. Per amare bisogna capire.
Con molta umiltà e con pertinace ottimismo, ci siamo chiesti, allora, se possiamo, in qualche modo, anche in minima parte, aiutare gli studenti a capire, prima, le finalità dei loro studi e, poi, nello specifico, le finalità del Latino. Forse fare chiarezza sul senso della scuola può alleviare lo sforzo di sopportarla, o può, addirittura, far percorrere gli anni del Liceo con gli occhi fissi alla meta e con un vigile senso critico verso i risultati che ognuno dei ragazzi ha
il diritto di aspettarsi. Sarebbe auspicabile che fossero essi, veramente, i protagonisti del processo educativo fino al punto di chiedersi: Che valore ha questo che sto studiando? Perché è utile per la mia maturazione intellettuale? Sono sicuro di aver colto la logica della materia? Sto imparando il metodo con cui studiarla? E, infine, giungere alla domanda cruciale, dopo l’esame di Stato: a che mi è servito tutto ciò che ho studiato? Come sono cresciuto con lo studio?
In una recente inchiesta sulle aspirazioni dei giovani («Corriere della Sera», 31/7/08), la famosa cantante Elisa e il calciatore Gattuso, centrocampista del Milan, intervistati, hanno confessato che il segreto del successo è, sì, nella passione per quello che si vuole fare, ma soprattutto nel sacrificio e nel continuo “studiare, studiare, studiare”.
Agli studenti che useranno questo libro chiediamo solo un piccolo sforzo: si accostino alla lettura senza preconcetti o pregiudizi e decidano di avvicinarsi alla materia con mente serena, dimenticando ogni motivo di insofferenza e di fastidio. È la così detta «inibizione proattiva» ad impedire interesse per quello che si studia, quando lo si è già studiato male.
Riflettiamo un momento: ci sarà pure un motivo se, per venti secoli, la cultura occidentale, e non solo, ha avuto estremo rispetto per il mondo classico e per la conoscenza della lingua latina.
Abbiamo ritenuto opportuno, quindi, prima di dare le indicazioni relative alla conoscenza del Latino, far precedere poche notizie indispensabili sulla scuola secondaria e sulle sue finalità.
Solo, infatti, all’interno della logica che regge il piano di studi liceale si può cogliere il senso di ogni materia che lo compone. Al tempo stesso, parlare di scuola, oggi, senza un cenno alla mutata fisionomia del contesto, potrebbe diventare un discorso astratto e generico, avulso da una realtà profondamente diversa rispetto al passato (si vedano sul sito www.simonescuola.it le brevi considerazioni sugli adolescenti e sulla realtà contemporanea). Qui parleremo prima delle finalità del Liceo e poi ci soffermeremo sul Latino.


1. Le finalità del Latino nel Liceo
1. Il Liceo a che serve?
Pagine critiche: Le quattro priorità educative (Yo-Yo Ma)
Pagine critiche: Se vuoi ottenere l’eccellenza non fare sconti a te stesso (F. Alberoni)
2. Il Latino a che serve?
Pagine critiche: Gli States riscoprono il Latino (M. Ferrera)
3. Gli ambiti della materia e le diverse finalità
4. Un problema di metodo: l’educazione letteraria
5. Perché leggere i classici?
6. Come si leggono i testi letterari
Il testo in versi
Il testo in prosa
7. Lo stile latino: concinnitas e variatio
8. Consigli per tradurre
La schedatura del lessico
La schedatura dei connettivi
La schedatura degli avverbi
La schedatura delle tipologie testuali
2. I contesti
Introduzione
Scheda di scansione cronologica degli autori
Età arcaica
1. I fatti storici: dalle origini al 146 a.C.
2. Le idee e la mentalità
3. La produzione artistica
4. La produzione letteraria
Età delle conquiste
1. I fatti storici: dall’espansione nel Mediterraneo alla conquista della Grecia (146-121 a.C.)
2. Le idee e la mentalità
3. La produzione artistica
4. La produzione letteraria
Età delle lotti civili
1. I fatti storici: dalla morte di Tiberio Gracco alla battaglia di Azio (121-31 a.C.)
2. Le idee e la mentalità
3. La produzione artistica
4. La produzione letteraria
Età di Augusto
1. I fatti storici: dal 31 a.C. al 14 d.C.
2. Le idee e la mentalità
3. La produzione artistica
4. La produzione letteraria
Età Giulio-Claudia
1. I fatti storici: da Tiberio a Nerone (14-68 d.C.)
2. Le idee e la mentalità
3. La produzione artistica
4. La produzione letteraria
Età dei Flavi e del principato illuminato di Nerva e Traiano
1. I fatti storici: dall’età dei Flavi all’età di Nerva e Traiano (69-117 d.C.)
2. Le idee e la mentalità
3. La produzione artistica
4. La produzione letteraria
Età della Decadenza
1. I fatti storici: dall’età di Adriano e degli Antonini alla fine dell’Impero romano (117-476 d.C.)
2. Le idee e la mentalità
3. La produzione artistica: arte pagana e arte cristiana
Arte pagana
Arte cristiana
Pagine critiche: E Cristo si rivelò nella pittura dell’Occidente (F. Bonazzoli)
4. La produzione letteraria: letteratura pagana e letteratura cristiana
Letteratura pagana
Letteratura cristiana
3. I temi topici
Introduzione
1. Donna e stereotipi nella letteratura latina
Il silenzio
La debolezza
L’universo familiare come spazio appagante: domiseda lanifica
L’oggetto ambiguo del desiderio o «l’ambiguo malanno»
La vecchiaia al femminile
Pagine critiche: Brevi cenni storici sulla condizione della donna a Roma (G.C. Sannia)» 82
2. L’amore
Amore e matrimonio
Amore meretricio
Amor furor
Amore omosessuale
Amore e morte
3. Il comportamento dell’eroe
L’eroe che lotta per la patria
L’eroe “sapiens”
4. La natura tra locus amoenus e locus horridus
Il locus amoenus
Il locus horridus
Pagine critiche: Locus amoenus/locus horridus: due modi di pensare il bosco (G. Petrone)
5. La morte
La morte nel mondo antico
La morte oggi
Laboratorio: La morte del saggio in Tacito, Platone, Abate di Saint Denis
6. Il tempo
7. La felicità
8. La pace
La pace romana
La pace cristiana
9. Il culto della terra e il tópos del rus
10. L’humanitas e i valori laici
L’humanitas e il mos maiorum
L’humanitas e il cristianesimo
11. Il tema del viaggio e la poesia odeporica
Il viaggio da Ulisse a noi
La poesia odeporica
4. Se la parola si fa immagine… ut pictura poesis
Introduzione
1. Il fascino indiscusso della Primavera: da Lucrezio, a Catullo, ad Orazio
Fig. 1 La Primavera - S. Botticelli
2. Amore e guerra: Lucrezio
Fig. 2 Venere e Marte - S. Botticelli
3. Se la religio induce all’empietà: Lucrezio
Fig. 3a Il sacrificio di Ifigenia - dipinto proveniente da Pompei
Fig. 3b Il sacrificio di Ifigenia - F. De Mura
Fig. 3c Il sacrificio di Ifigenia - G. Tiepolo
4. L’eternità della poesia: Orfeo in Virgilio
Fig. 4a Orfeo ed Euridice - Bassorilievo attico del V sec. a.C.
Fig. 4b Orfeo percosso dalle Baccanti - M. Stanzione
5. La violenza della divinità sul giusto: Laocoonte in Virgilio
Fig. 5a Laocoonte - Gruppo marmoreo degli scultori Hagesandros, Athanodoros,
Polidoros
Fig. 5b Laocoonte - El Greco
6. Per amore: Atalanta e Ippomene in Properzio
Fig. 6 Atalanta e Ippomene - G. Reni
7. Quando l’amore di sé diventa distruttivo: Narciso in Ovidio
Fig. 7 Narciso - Caravaggio
8. Le virtù laiche: Cicerone
Fig. 8a Le quattro virtù cardinali - Codice in lingua francese del XIV sec.
Fig. 8b La Giustizia e la Prudenza - Particolare del Codice in lingua francese
del XIV sec.
9. Sia maledetto il nemico della patria: Cicerone e Sallustio contro Catilina
Fig. 9 Cicerone accusa Catilina - C. Maccari
10. Donne romane: Lucrezia e Messalina in Livio, Giovenale e Tacito
Fig. 10a Lucrezia - J. Cestaro
Fig. 10b Lucrezia e Tarquinio - L. Giordano
Fig. 10c Messalina - Fotogrammi del film Messalina (1951)
11. L’amore che provoca invidia: Apuleio
Fig. 11 Amore e Psiche - A. Canova
12. La luce di Dio che acceca e salva: gli Atti degli Apostoli
Fig. 12 La caduta di S. Paolo - A. Sassu
Testi relativi alle immagini
C1 Confronto intersegnico tra Lucrezio, De rerum natura V, 737-50, La Primavera,
e La Primavera di Sandro Botticelli
T1 Catullo, Carme 46: È primavera
T2 Orazio, Ode I, 4: Sta finendo l’inverno…
T3 Lucrezio, De rerum natura I, 28-43: Preghiera a Venere
T4 Lucrezio, De rerum natura I, 80-101: Il sacrificio di Ifigenia
T5 Virgilio, Georgiche IV, 464-527: Orfeo ed Euridice
T6 Virgilio, Eneide II, 203-27: Laocoonte
T7 Properzio, Elegie I, 1, 1-16: Atalanta e Ippomene
T8 Ovidio, Metamorfosi III, 375-401: Eco e Narciso
T9 Cicerone, De finibus bonorum et malorum V, 13, 36b: Le virtù laiche
T10 Cicerone, In L. Catilinam Oratio I, 1-2: L’invettiva contro Catilina
T11 Sallustio, De coniuratione Catilinae, 5: Il ritratto dell’eroe perverso
T12 Livio, Ab urbe condita I, 58: Lucrezia, personaggio esemplare
C2 Confronto intertestuale tra Annales XI, 31-38, di Tacito e Satira VI, 115-132, di
Giovenale: Messalina
T13 Apuleio, Le Metamorfosi V, 22-23: Amore e Psiche
T14 Atti degli Apostoli IX, 1-9: La conversione di S. Paolo
C3 Confronto intersegnico tra Catullo, Carme 68, 67-76, e il Sarcofago romano del
III secolo a.C.: Protesilao e Laodamia
C4 Confronto intertestuale tra Vangelo di Luca 7, 36-50, Epistola di S. Paolo ai
Corinzi 11, 3-9, Le Metamorfosi II, 8-9, di Apuleio e La capigliatura di Charles
Baudelaire: I capelli delle donne
Laboratorio
Prova di verifica 1 Tacito e Giovenale contro Messalina
Prova di verifica 2 Confronto intersegnico: Enea e Didone in Virgilio e Francesco Solimena
Prova di verifica 3 Ritratti di Cicerone e Seneca
5. Il Latino non è solo la lingua degli antichi Romani
Introduzione
T1 Carmina Burana: Piango le ferite di Fortuna
Laboratorio
Prova di verifica 1 Carmina Burana: Fortuna imperatrix mundi - In taberna quando sumus
Prova di verifica 2 Scuola medica salernitana: Regimen sanitatis Salernitanum
Prova di verifica 3 Riccardo da Bury: Philobiblon cap. 3 o L’amore per i libri
Prova di verifica 4 Giovan Battista Della Porta: De Humana physiognonomia
T2 Jean Cocteau, Oedipus rex, II: Il dramma di Edipo
T3 «Class» n. 1: Una singolare presentazione
T4 Riccardo Cassini, Nutella, nutellae: L’epos della Nutella
Laboratorio
Prova di verifica 1 De inutilitate nascondimenti barattolorum Nutellae - Veras tavolas leggiorum
Nutellae
Prova di verifica 2 «Iuvenis»: Daedalus atque Icarus