Cerca nel sito
CATALOGO
Scegli la disciplina
Scegli la disciplina


SCARICA IL CATALOGO SCUOLA SUPERIORE 2017



SCARICA IL CATALOGO SCUOLA MEDIA 2017



SCARICA IL CATALOGO
di LATINO



SCARICA il CATALOGO d'INGLESE


SCARICA il CATALOGO di SPAGNOLO



SCARICA IL CATALOGO di GRECO



SCARICA IL CATALOGO di NARRATIVA SCUOLA MEDIA



La situazione attuale

Nella scuola attuale, purtroppo, la situazione più diffusa prevede che la stragrande maggioranza delle azioni didattiche siano rivolte all’intero gruppo classe, senza prendere in considerazione le differenze individuali dovute, come visto, all’ambiente culturale di provenienza, al livello di sviluppo, al ritmo di apprendimento, alle motivazioni, alle tendenze personali e alle aspirazioni.

La prevalenza di interventi collettivi, uguali per tutti, ma rivolti ad alunni che non sono tutti uguali, rende quindi fisiologica l’attuazione di interventi integrativi. Le attività aggiuntive vengono quasi sempre programmate in orari addizionali.

Si può dire che la scuola, finora, non si è quasi mai impegnata per evitare l’insuccesso dei singoli durante la normale attività, ma, quanto meno negli ultimissimi anni, ha mostrato una certa evoluzione cercando di recuperare — attraverso la programmazione di interventi differenziati — gli alunni che restano indietro.

Il tenere separate le attività di insegnamento rivolte all’intera classe e quelle destinate agli alunni che presentano carenze comporta un’emarginazione di fatto di questi ultimi.

Al disagio psicologico che si instaura negli alunni discriminati, vanno sommati anche i disagi dovuti al fatto che le attività differenziate vengono programmate in orari aggiuntivi. I ragazzi destinatari di tali interventi sono costretti a un impegno orario maggiore, che impedisce loro altre attività. Un caso tipico, ma estremamente diffuso, è quello dei ragazzi non residenti nella città nella quale frequentano la scuola; dover tornare nelle aule in orari pomeridiani li costringe a restare fuori dalla loro casa per un tempo molto più lungo, tanto che al ritorno spesso sono giustamente stanchi e non più disposti a studiare per preparare le lezioni del giorno successivo; succede allora che le attività pomeridiane, organizzate per fare recuperare agli alunni conoscenze e competenze relative agli argomenti di lezioni precedenti, diventano causa di ulteriori carenze riguardanti i nuovi argomenti proposti la mattina che, invece, i ragazzi che sono al passo con l’apprendimento possono rielaborare a casa.

L’insegnamento svolto nel modo prospettato, cioè sostanzialmente collettivo, emargina non solo gli allievi più deboli, ma, per motivi diversi, anche quelli più dotati rispetto alla media, perché essi apprendono subito gli argomenti proposti, dopo di che devono assistere a numerose ripetizioni della stessa lezione, diventando distratti e sempre più disinteressati.

Ieri e oggi
La situazione attuale
Il pieno sviluppo degli individui
L’insegnamento individualizzato
I percorsi didattici flessibili
I percorsi didattici diversificati
I percorsi didattici aggiuntivi




Gli interventi didattici differenziati
Ieri e oggi
La situazione attuale
Il pieno sviluppo
   degli individui
L’insegnamento
   individualizzato
I percorsi
   didattici flessibili
I percorsi
   didattici diversificati
I percorsi
   didattici aggiuntivi